PIEVE DI CADORE (Bl). Chiesa Arcidiaconale di S. Maria Nascente, Ultima Cena.

Anteriore al Mille, l’attuale edificio – costruito su progetto dell’architetto Domenico Schiavi (1718-1795) di Tolmezzo (Ud) tra il 1761 e il 1819 – sorge sulla precedente chiesa gotica il cui coro era stato affrescato su disegni di Tiziano, dalla sua bottega. L’attuale edificio combina due unità: la croce greca a bracci disuguali voltata a cupola e a botte ed il presbiterio quadrato con soffitto a vela. Grazie alla dilatazione dello spazio, motivo caro all’architettura barocca, egli ottenne un edifico ad asse longitudinale, rispondente alle norme tridentine, ma innovativo rispetto alla pianta rettangolare con volta a padiglione utilizzata a Lorenzago e Auronzo.


La facciata (1875-1876), progettata dall’architetto vicentino Giovanni Miglioranza (1798-1861), è decorata con dodici statue raffiguranti i Santi titolari delle chiese dipendenti dall’arcidiaconale, mentre la lunetta è rivestita a mosaico con la Natività di Maria.
L’interno si caratterizza per il movimento incalzante delle pareti segmentate dal forte rilievo delle paraste sorrette da monumentali basamenti in pietra e l’arretramento dei setti murari su cui si aprono archi, nicchie e pulpiti. A ciò si accompagna l’accentuato chiaroscuro del cornicione dai secchi intagli, che disegna nettamente lo stacco con il soffitto dominato dalle linee curve di archi, volte, cupola e finostroni a lunetta.


Autore: Cesare Vecellio (1521-1601)
Periodo artistico: 1585
Note storiche: L'interno è ricco di opere che testimoniano la storia dell'antico edificio sacro.
Di particolare pregio si segnala la 'Madonna con Bambino' di Tiziano, le opere di Cesare Vecellio e il Flugelaltar attribuito alla bottega di Simon von Teisten (fine sec.XV).
Nel presbiterio, in alto, tela raffigurante l'Ultima Cena di Cesare Vecellio (1521-1601), eseguita nel 1585 alcuni studiosi attribuiscono a Tiziano le teste di Gesù e di San Pietro.

La Sagrestia accoglie opere di pregio della bottega del Palma il Giovane, di Zorzi Sotirico da Creta, di Catarino Veneziano.


Data ultima verifica: 29/07/2010 00:00
Rilevatore: Feliciano Della Mora