TAGGIA (Im). Convento San Domenico, Ultima Cena

Convento di San Domenico frati Domenicani. raggiungibile con l’autostrada A10 si esce al casello di Arma di Taggia, si sale verso l’interno fino a Taggia 2 km., dopo il cimitero procedere sulla la strada a sinistra fino all’ampio piazzale dinanzi al Convento.
In treno si scende alla stazione di Arma di Taggia e con il filobus si arriva a Taggia, scendendo alla seconda fermata dopo il cimitero.
Piazza beato Cristoforo 6 Taggia Imperia
telefono 0184.477278.

All’interno, oltre alla presenza di dodici altari, si possono osservare pregiate opere pittoriche di diversi pittori, un’Adorazione dei Magi attribuita al Parmigianino, cinque tele del pittore Ludovico Brea quali l’Annunciazione di Maria del 1494, la Madonna del Rosano del 1513, Santa Caterina del 1488, la Madonna della Misericordia del 1483-1488, il Battesimo di Gesù e Santi del 1495.
Tra le altre opere esposte quelle di Gregorio De Ferrari, Giovanni Canavesio, Raffaele De Rossi, Giovanni Battista Trotti (detto il Malosso) ed altri pittori dell’epoca.
Fra le innumerevoli opere d’arte presenti nelle cappelle, è da segnalare soprattutto il grande politico del presbiterio raffigurante la Madonna della Misericordia e i Santi, opera di Ludovico Brea (1483-88), posto sull’altare maggiore.
Un portico ad arcate immette nel chiostro quadrangolare. Nell’edificio conventuale a piano terra si trovano: la sagrestia, la sala del capitolo, il dormitorio dei conversi e l’antica biblioteca. Queste parti hanno conservato degli importanti affreschi di Giovanni Canavesio, di Ludovico Brea e di altri artisti del 15º-17º secolo.
Opere pittoriche, manoscritti, statue e oggetti sacri sono esposti nel museo, allestito nell’ex dormitorio dei conversi. Il museo si sviluppa nelle sale al piano terreno del complesso conventuale domenicano, attigue al chiostro quattrocentesco. Tra le opere esposte si segnalano alcuni frammenti di polittici di Francesco e Lodovico Brea, una cassapanca lignea del XVI secolo, alcuni codici miniati, incunaboli e una tela raffigurante l’Incoronazione della Vergine di Gioacchino Assereto (1600-1649). Il percorso museale prosegue nella vicina chiesa di Nostra Signora della Misericordia, che ospita all’interno una straordinaria concentrazione di opere di Lodovico Brea, tra cui si segnala il Polittico della Misericordia sull’altare maggiore, e dipinti del Molosso, dell’Orbetto e di Gregorio De Ferrari. Inoltre l’Adorazione dei Pastori del Parmigianino

Orario di apertura:
da martedì a domenica dalle 9.00 alle 11.30 e dalle 15.00alle 17.00. Chiuso il lunedì. Per i gruppi (minimo 10 persone) è gradita la prenotazione.
L’ingresso è ad offerta.


Note storiche: Il convento di San Domenico è un edificio religioso, sito in valle Argentina. Gli edifici, ad oggi considerati tra le più grandi pinacoteche della scuola pittorica ligure/nizzarda, furono costruiti tra il 1460 e il 1490 dai maestri comacini Gasperino da Lancia e Filippo da Carlono.
Padre Cristoforo da Milano, poi beatificato, predicò nella cittadina nel 1459 e decise di edificare il Convento Domenicano, consacrato l'8 agosto del 1490.
Ingenti danni furono inferti al complesso dalle incursioni dei Saraceni (1500), nel periodo napoleonico e del governo italiano nell'ottocento.
Nel 1926 i padri domenicani ritornarono a Taggia dando il via ai grandi lavori di restauro, ora terminati, di questo gioiello d'arte, fra i più significativi della Liguria occidentale.
Il convento è preceduto da un'ampia piazza lastricata a ciottoli, la Chiesa ha una facciata a salienti con ornati di tipo neo-gotico, aggiunti nell'ottocento.
L'interno è costituito da una grande aula rettangolare con volte a crociera, ogivali. I profili degli archi, a sesto acuto, delle volte e delle finestre sono decorati a scacchi bianchi e neri.
Illustrazione opera: Le pareti della cappella sono decorate da parte di un ciclo dipinto relativo alla Passione, riferibili alla prima metà del XVI secolo. Si noti che l’Ultima Cena deriva dal modello dell’analogo celebre soggetto del Refettorio di Santa Maria delle Grazie di Milano, opera di Leonardo da Vinci. Santa Maria delle Grazie era infatti un convento domenicano e presso il convento di Taggia si conservava persino un disegno dell’opera leonardesca, evidentemente famosa già all’epoca della sua originale realizzazione.
Url: http://www.conventosandomenicotaggia.org/
Data ultima verifica: 31/08/2013 00:00
Rilevatore: Valter Bonello